Da vedere a Dozza


Un patrimonio culturale unico

La biennale d'Arte del Muro Dipinto è la manifestazione che rende il borgo di Dozza unico e caratteristico, mediante splendidi dipinti presenti sulle facciate delle case.

La prima edizione venne organizzata nel 1960, deventando sempre più famosa e qualificata col tempo questa manitestazione,svolta in 4 giornate di Settembre, consiste nel dare la possibilità agli artisti di dipingere dal "vivo" davanti al pubblico. A parteciparvi, troviamo maestri della pittura, quali Matta, Schweizer, Gagliardi, Sassu e molti altri.

Fino ad oggi sono state svolte 25 edizioni, dove hanno preso parte oltre 200 artisti, trasformando Dozza in uno stupefacente museo a cielo aperto. Da non mettere in secondo piano è la Rocca nel '400 con il Trresino, uno splendido esemplare di architettura militare a tempo. Nel 1565 avviene la trasformazione della Rocca da struttura militare a palazzo signorile, concludendosi nel 1594 per opera di Antonio Campeggi e dei Massari di Dozza, con lo scopo di farne la propria residenza.

La Rocca viene aperta al pubblico solamente nel 1960, quando venne acquistata dal Comune di Dozza, sostenuto dalla Provincia di Bologna. Oggi giorno la struttura è un vero e proprio museo, comprendendo arredi e dipinti importanti dell'epoca, visitabile tutti i giorni.